Secondo appuntamento con il mondo affascinante del dialetto siciliano: a far da Cicerone la ricercatrice di tradizioni popolari Sara Favarò

I canti nella tradizione popolare siciliana

Sono nata e ho trascorso l’infanzia in un paese del palermitano. Quelli erano anni in cui televisori ce n’erano veramente pochi e, in più, non si accendevano a tutte le ore. A noi bambini era consentito vedere la TV solo fino a un certo orario. Il mio passatempo preferito era quello di ascoltare le favole. Per fortuna i “grandi” di casa mia ne conoscevano tante e così io e i miei fratelli passavamo molto tempo ad ascoltare i cunti, affascinati e contenti.

Diventata grande ho voluto trasfondere il ricordo di quei magici momenti, scrivendo e cantando le favole della mia infanzia.
Ne riporto due: Giufà e A za Salicchia. Giufà, incisa per la prima volta nel 1980 nella cassetta stereo 7 Sicilia ci nn’è una!, ripercorre alcune gesta del famoso personaggio siciliano ed è stata più volte inserita in raccolte musicali, saggi scolastici e lavori teatrali. A za Salicchia racconta di una vecchietta, realmente esistita, che apprezzava le cose semplici della vita, che amava ridere di tutto e che non disdegnava (così com’è ancora in uso nei paesini) sfurbiciari, ossia canzonare e criticare i viandanti che avevano la ventura di percorrere la strada di casa sua.

Ascolta le filastrocche →

Giufà

C’era ‘na vota, mi cunta me nanna
un picciutteddu di nomu Giufà.
Ni cumminava quantu macigna
faceva arridiri tutta a città.

Ritornello Sintiti chi fu, sintiti chi fa
Giufà n’ha fattu, ni fici e ni fa,
sintiti chi fu, sintiti chi fa
Giufà n’ha fattu, ni fici e ni fa.

‘Na vota so matri jennu a la missa
ci dissi: “Si nesci tirati a porta”.
Allura sapiti Giufà ‘nzoccu fa?
Scippa la porta,
‘nte spaddi s’a carrica e va ni so ma’.

Ritornello

‘Na vota truvannusi ‘n capu ‘na grutta
ci vinni di fari, di fari a pipì,
talia ‘ntornu nun vidi nissunu,
sulu i viuledda di l’acqua ca fa.

Ed accumincia a diri accussì:
“Tu pigghia di cca, tu pigghia di dda”.
Ed accumincia a diri accussì:
“Tu pigghia di cca, ca io pigghiu di dda”.

Dda sutta c’eranu tanti latruna
ca si spartianu un saccu di sordi,
a la sintuta di sti paroli
scantati scapparu
e li dinari arristaru a Giufà.

Ritornello

C’era ‘na vota mi cunta me nanna
ma c’è ancora, mi dici me matri,
macari lu nomu nun è cchiù Giufà
ma ci nni su’ tanti
a cumannu e a serviziu di sta società.

Ritornello

Giufà

C’era una volta mi racconta mia nonna / un ragazzino di nome Giufà / ne combinava quanto un demonio / faceva ridere tutta la città.

Ritornello Sentite che fu, sentite che fa / Giufà ne ha fatte, ne fece e ne fa / sentite che fu, sentite che fa / Giufà ne ha fatte, ne fece e ne fa

Una volta sua madre andando a messa / gli disse: “Se esci tirati la porta” / Allora sapete Giufà che cosa fa? / Toglie la porta / se la carica sulle spalle e da sua madre va

Ritornello

Una volta, trovandosi su una grotta / gli venne di fare, di fare pipì / guarda attorno, non vede nessuno / solo i rigagnoli dell’acqua che fa / E comincia a dire così / “tu piglia di qua, tu piglia di là” / E comincia a dire così / “tu piglia di qua, tu piglia di là” / Là sotto c’erano sette ladroni / che si dividevano un sacco di soldi / ma sentendo queste parole / per paura fuggirono / e i soldi restarono a Giufà

Ritornello

C’era una volta mi racconta mia nonna / ma c’è ancora mi dice la mamma / magari il nome non è più Giufà / ma ce ne sono tanti / al comando e al servizio di questa società

Ritornello

[gdl_gallery title=”canti-nella-tradizione-popolare-siciliana” width=”290″ height=”290″ ]

A za Salicchia

C’era ‘na vota ô me paisi
‘na vicchiaredda assai spiciusa
era gran spassu sintilla parrari
puru li guai sapia fari scurdari.

Ritornello Pigghiava la vita cu l’allegrizza
arridia di tuttu puru d’idda stissa
certu pruvò quarchi vota l’amarizza
ma dall’occhi so mai niscì ‘na stizza.

Pussidia l’arti d’arraccamari
e macari cu la vucca lu sapia fari
cu’ vuleva notizii sapeva unni è chi jiri
era chiù ‘nfurmata di tutti li giornali.

Stava assittata cu la cummaredda
davanti la porta di la so vanedda
cu’ passava di ddà nun era sparratu
sulu siddu ‘un c’eranu o eranu malati.

Ritornello

‘Na vota li cannola vosi pripari
ma ‘unn’eranu cosi ca idda sapia fari
‘na jurnata sana si chiuju ‘n cucina
pi fari ‘na crema di ricotta supraffina.

Ma nun arrinisciu a dinchiri li cannola
la crema era modda e cci niscia di fora
allura pi ridiri pigghia un stuppagghiu
attuppa un latu e accurza lu travagghiu.

Di cu’ vaiu parratu è me za Salicchia
idda m’inzignò ca la vita è cuntintizza
certu pruvò qualchi vota l’amarizza
ma dall’occhi so mai niscì ‘na stizza.

Ritornello

La zia Salicchia

C’era una volta al mio paese / una vecchietta molto divertente / era uno spasso sentirla parlare / pure i guai sapeva far scordare

Ritornello Prendeva la vita con allegria / rideva di tutto, pure di lei stessa / certo provò qualche volta l’amarezza / ma dai suoi occhi mai uscì una lacrima

Possedeva l’arte del ricamo / e anche con la bocca lo sapeva fare / chi chiedeva notizie sapeva dove andare / era più informata di tutti i giornali

Stava seduta con la comare / davanti la porta della sua casa / chi passava da lì non era sparlato / solo se non c’erano o erano malati

Ritornello

Una volta volle preparare i cannoli / ma non erano cose che lei sapeva fare / Una giorno intero si chiuse in cucina / per fare una crema di ricotta sopraffina

Ma non riuscì a riempire i cannoli / la crema era molle e usciva di fuori / allora per ridere prende un tappo / chiude un lato e accorcia il lavoro

Di chi vado parlando è mia zia Salicchia / lei mi ha insegnato che la vita è contentezza / certo provò qualche volta amarezza / ma dai suoi occhi mai uscì una lacrima

Ritornello

Pubblicato su

Autore

Redazione Sikania

  • Ho letto tutto, bellissimo. Mio nonno materno, mi raccontava molti “cunti” di Giufà. ne ricordo uno in particolare. Chiamò la moglie Birbirenzia e le disse: “Birbirencia, friggimi un po’ di neve”, lei lo fece e lui giù legnate: “l’hai fatta squagliare”.