Dopo le dieci destinazioni siciliane da visitare nel 2018 e le dieci pietanze siciliane da non perdere, questa settimana abbiamo preparato un altro elenco in dieci punti: stavolta vi vogliamo raccontare della Sicilia dei primati e delle curiosità e per farlo abbiamo ricercato notizie di vario genere, curiose e inattese.

#1 La Sicilia è la regione italiana con il maggior numero di siti culturali: il 26% del totale italiano. Di più: sette dei 53 siti UNESCO italiani sono nella nostra isola, un primato che la pone alla pari con interi Paesi come l’Egitto e la Danimarca.

#2 Il Duomo di Siracusa è stato costruito inglobando la struttura del preesistente tempio di Atena. Le colonne di quella costruzione sono ancora perfettamente visibili e risconoscibili fuori e dentro la chiesa.

#3 La cassata ha più di mille anni ed è dunque una delle specialità alimentari più antiche al mondo. La ricetta attuale, però, è frutto di molte sovrapposizioni “gastronomiche”: l’origine è sicuramente araba ma le gocce di cioccolato e i canditi, ad esempio, sono un’aggiunta di epoca spagnola.

#4 Parlando di cioccolato, ai golosi interesserà sapere che a Modica, in provincia di Ragusa, i maestri cioccolatai lo preparano seguendo ancora l’originale ricetta azteca importata in Europa dagli spagnoli poco dopo la scoperta dell’America. Il cioccolato di Modica è privo di burro di cacao e viene aromatizzato in modi diversi, ad esempio con il peperoncino o la cannella.

#5 Le Madonie, le montagne che chiudono a est la provincia di Palermo, sono protette da un parco naturale esteso circa 40mila ettari. Fra le motivazioni della sua istituzione c’è il fatto che su queste montagne si trova più della metà delle 2600 specie botaniche presenti in Sicilia (fra cui 150 dei 200 endemismi) e una straordinaria rarità, l’Abies Nebrodensis, del quale restano in totale solo 29 esemplari.

#6 Il “volgare” italiano è nato in Sicilia, nel Duecento, alla corte dell’imperatore Federico II. Fu proprio la “scuola siciliana”, infatti, a fornire ai toscani le basi sulle quali costruire la nostra lingua madre, suggellata da Dante Alighieri. E fu un poeta di questa scuola, Jacopo da Lentini, a inventare il sonetto.

#7 Nel 1863, l’architetto Filippo Basile progettò il Giardino Garibaldi, una villa “all’inglese” nel centro di Palermo, nell’attuale piazza Marina. Quando la villa venne realizzata, nello stesso anno, venne piantato un esemplare di ficus che oggi, con i suoi 10mila m³ di chioma fogliare, è il più grande albero d’Europa.

#8 Quello siciliano è il Parlamento più antico del mondo, essendo stato convocato per la prima volta, nel 1130 dal re normanno Ruggero II nel palazzo reale (l’attuale Palazzo dei Normanni). Questo viene considerato il primo parlamento in senso moderno, ma già 33 anni prima, il predecessore del re, il gran Conte Ruggero, aveva convocato un’assise rappresentativa a Mazara del Vallo.

#9 Picasso, per dipingere Guernica, si ispirò a un dipinto siciliano: Il Trionfo della Morte è un grande affresco del Trecento, fra i migliori mai realizzati su questo tema. Oggi è custodito presso la Galleria di Palazzo Abatellis a Palermo.

#10 Durante la festa di Sant’Agata, la patrona di Catania, molti fedeli chiedono una grazia alla santa o ringraziano per averla ricevuta. Per farlo, seguono il fercolo portando con sé un cero votivo: i più piccoli pesano appena 300g ma quelli più grandi, sempre portati a spalla da un’unica persona, possono arrivare a pesare 120 kg (il record è 130kg e risale al 2014).

Autore

Redazione Sikania