Nella Sicilia di una volta, ci si divertiva anche con i canti vastaseddi, colmi di allusioni e doppi sensi. Eccone un esempio, completo di partitura per chi volesse cimentarsi.

In alcuni canti popolari può capitare di ascoltare frasi apparentemente innocenti, ma dal chiaro riferimento sessuale. Così come per gli scioglilingua, anche per i canti l’ambiguità, il “detto e non detto”, il lasciato intendere, è da tempo immemorabile motivo di ilarità. La tradizione popolare, e non solo quella siciliana, è piena di canzoni a doppio senso come quella che segue che, seppure con variazioni lessicali e musicali, è diffusa in tutta Italia.
Non è sempre facile risalire alla fonte di diffusione di un canto tradizionale, o a un passaggio intermedio di essa, specie quando sono trascorsi molti anni, ma talvolta, con un poco di fortuna, si riesce nello scopo.

Il canto che segue mi è stato riferito da un anziano agricoltore di Vicari che, quando era ragazzino e lavorava nei campi di grano, la apprese da uno jurnateri (lavoratore giornaliero) originario di Misilmeri il quale, a sua volta, l’aveva imparato da un altro operaio di chissà quale paese. Il canto dunque, si diffuse in Sicilia ai primi del Novecento anche grazie alla micro-emigrazione dei contadini. Per il suo contenuto vastaseddu, non poteva che essere accolto con grande divertimento.

Lu cardiddu

Lu cardiddu di me cummari / senza pinni e senza ali / si va posa ‘n capu lu pettu / a me cummari ci vinni u suspettu
Ritornello: Te ch’è biddicchiu stu cardiddicchiu / ma chi cantari ca ci fa / tutta a notti “cici” ci fa / a pizzica a mozzica e po’ si ‘nni va / tutta a notti “cici” ci fa / a pizzica a mozzica e po’ si ‘nni va

Lu cardiddu di me cummari / senza pinni e senza ali / si va posa ‘ncapu u viddicu / a me cummari ci vinni allamicu (Ritornello)

Lu cardiddu di me cummari / senza pinni e senza ali / si va posa ‘n capu la panza / a me cummari ci fici suspanza (Ritornello)

Lu cardiddu di me cummari / senza pinni e senza ali / si va posa ‘n capu u dinocchiu / e me cummari si mancia u finocchiu (Ritornello)

Lu cardiddu di me cummari / senza pinni e senza ali / si va posa ‘ncapu a scagghiola / a testa dintra e a vozza di fora. (Ritornello)

Il cardellino

Il cardellino di mia comare / senza penne e senza ali /va a posarsi sopra il petto / a mia comare è venuto un sospetto
Ritornello: Guarda com’è bellino questo cardellino / ma che cantate che le fa / tutta la notte “cici” le fa / la pizzica, la morde e poi se ne va / tutta la notte “cici” le fa / la pizzica, la morde e poi se ne va

Il cardellino di mia comare / senza penne e senza ali /va a posarsi sull’ombelico / a mia comare è venuto appetito (Ritornello)

Il cardellino di mia comare / senza penne e senza ali /va a posarsi sulla pancia / a mia comare ha fatto sostanza (Ritornello)

Il cardellino di mia comare / senza penne e senza ali /va a posarsi sul ginocchio / e mia comare mangia un finocchio (Ritornello)

Il cardellino di mia comare / senza penne e senza ali /va a posarsi sulla scagliola / la testa dentro e il gozzo fuori (Ritornello)

Autore

Sara Favarò