Riconosciuto come lingua, il siciliano si parla, si scrive, si recita… e si gesticola. Un patrimonio da custodire e tramandare.

Il siciliano non è un dialetto ma una vera lingua, né più e né meno di altre. Per questa ragione, Facebook ha approvato la proposta dell’associazione Cadèmia Siciliana di inserirlo fra le opzioni che si possono selezionare nelle impostazioni della lingua. In altre parole, adesso è possibile scrivere su FB post multilingua facendoli apparire e segnalare, appunto, in siciliano.

La cosa potrebbe sembrare folcloristica ma di fatto non lo è. Tutt’altro. La lingua è una componente essenziale della cultura di un popolo e in questo senso i soci di Cadémia la intendono. Custodire il siciliano, diffonderne e difenderne l’uso significa in ultima analisi custodire e difendere la millenaria cultura siciliana. Un po’ il lavoro che fanno gli studiosi di tradizioni popolari come Sara Favarò, instancabile ambasciatrice degli usi e costumi della Sicilia più autentica. Qualche anno fa abbiamo pubblicato sulla versione cartacea di Sikania una serie di suoi articoli, e fra essi anche diversi che avevano come tema la lingua, declinata in filastrocche, canzoni e proverbi (potete consultare l’indice delle pubblicazioni sul nostro sito). Un paio di questi articoli li abbiamo ripubblicati online, riscontrando un buon interesse. Un lettore ci ha anche richiesto una filastrocca in particolare, quella molto famosa del Re Befè: in fondo all’articolo potete ascoltarla proprio dalla voce di Sara Favarò, che ne recita una versione raccolta a Ciminna. Le filastrocche, d’altronde, non mancano di una loro dignità, raccontando a loro modo un aspetto della nostra più remota cultura.

Una cultura che si esprime anche attraverso i gesti: non c’è siciliano che non utilizzi il ricco repertorio della nostra gestualità tradizionale, spesso del tutto incomprensibile varcati i confini della nostra isola. A questa particolare forma di espressione il professore Fabio Oliveri ha dedicato un agile saggio, una sorta di dizionario dei gesti puntualmente illustrato da Jasmine Carnabuci.

Ascolta la filastrocca

U Re bevè viscottu e minè

‘Na vota c’era un re bevè viscottu e minè
c’avia ‘na figghia bevigghia viscottu e minigghia.
Sta figghia bevigghia viscottu e minigghia
avia n’aceddu beveddu viscottu e mineddu.
St’aceddu beveddu viscottu e mineddu
un jornu vulà allura u Re ittà u bannu:
“A cu’ trova l’aceddu beveddu viscottu e mineddu
ci rugnu a me figghia bevigghia viscottu e minigghia”.
U truvà un vicchiazzu bavazzu viscottu e minnazzu.
“Eccu l’aceddu beveddu viscottu e mineddu
ora rammi a to figghia bevigghia viscottu e minigghia”.
“Bruttu vicchiazzu bavazzu viscottu e minnazzu
p’un aceddu beveddu viscottu e mineddu
t’ha dari a me figghia bevigghia viscottu e minigghia”!?

Tratto da Tulì, tulì, tulì, di Sara Favarò

Autore

Maria Cristina Castellucci