Nonostante la vicinanza con la costa trapanese, la più piccola delle Egadi è un’isola ancora “selvaggia”, in cui vivere una vacanza di assoluto relax.

Poco più di duecento abitanti, raccolti nelle casette bianche e squadrate che incorniciano il porto. Poi, nient’altro. O meglio, soltanto il mare e una natura mediterranea ancora padrona del territorio. A Levanzo si va per stare tranquilli, per trascorrere la giornata al mare o in relax fra gli alberi e ritrovarsi la sera, nei bar sul porto, a guardare le luci di Trapani e Favignana che sembrano di altri mondi. Qui non ci sono strade ma solo sentieri di terra battuta lungo i quali ci si sposta accompagnati dal frinire delle cicale e dal rumore delle onde, avvolti dall’odore dei pini e del timo. Le passeggiate hanno come destinazione Capo Grosso, dalla parte opposta dell’abitato, dove si arriva attraversando tutta l’isola per ammirare il panorama sul mare all’ombra del faro abbandonato; le Case Florio, pittoresco e vasto rudere che un tempo era il cuore di una vasta proprietà agricola, realizzato per conto dei Florio che a Levanzo volevano produrre vino; il Faraglione con la spiaggetta di ciottoli, incantevole al tramonto. E ancora Cala Tramontana, Cala Minnola e Cala Fredda, con la loro acqua trasparente.

Imperdibile, poi, l’escursione alla Grotta del Genovese, uno dei siti archeologici più importanti del Mediterraneo. All’interno di questo antro naturale, nel 1950 vennero rinvenuti casualmente graffiti e dipinti preistorici, datati fra 10mila e 7000 anni fa, raffiguranti buoi, cervi, cavalli, tonni ed esseri umani. Per raggiungere la grotta si va a piedi o in barca (per info contattare il custode: )
A dispetto della sua importanza, la grotta non è un’attrazione internazionale e Levanzo è rimasta un’isoletta defilata, mai troppo affollata. Anche in agosto, la maggior parte di visitatori giunge sull’isola con una delle numerose crociere giornaliere che partono da Favignana o da Trapani. Un’isola per vacanze solitarie, insomma, lontani dallo stress della quotidianità.

Dove dormire

Nel cuore dell’isola, raggiungibile con una breve passeggiata dal paese, Isola residence mette a disposizione mini-appartamenti realizzati in vecchi edifici agricoli. Nel giardino anche una piscina.
Contrada Case, Levanzo tel. 0923 1941530.

Dove mangiare

Il ristorante Paradiso è una trattoria semplice ma con una proposta gastronomica curata e genuina, dove il pesce è assoluto protagonista. Da provare le busiate al pesto trapanese. Anche albergo. Via lungomare 8 tel. 0923 924080

Cosa comprare

Pane, biscotti, “kabbuci cunzati”: a Levanzo si possono gustare sapori davvero squisiti. Per gli acquisti gastronomici ci sono la Panetteria Olimpia (via pietre varate) e la Panetteria La Chicca (via Calvario 23).

Autore

Redazione Sikania