Il lunedì di Pasqua inaugura la stagione delle scampagnate, le gite fuoriporta che sono un must della primavera. Se avete deciso di farne una anche voi, ecco dieci aree attrezzate in diversi luoghi della nostra bella isola.

Camisa

Siamo in territorio di Randazzo, alla confluenza di tre parchi: Nebrodi, Etna e Alcantara. L’area attrezzata si trova all’interno di un bosco di querce, pioppi, cipressi e altri alberi e si può raggiungere solo a piedi. Ci sono ampi spazi verdi e punteggiati di fiori e alcuni giochi per i bambini. Gli ospiti trovano tavoli e panche, punti cottura e acqua. Ci si arriva da Randazzo, percorrendo la SS 120 e seguendo le indicazioni per il vivaio Flascio.

Santa Focà

Sulle Madonie. Ampia e ben attrezzata con panche e tavoli in legno, giochi per bambini, punti cottura e fontanelle di acqua potabile. All’ombra di pini, olmi, pioppi, lecci si estendono ampi prati verdeggianti, dove i bambini possono giocare in libertà. Per arrivare si parte da Castelbuono in direzione di Milocca e deviando a sinistra al bivio per Case Liccia.

Piano Margi

Sui Peloritani, l’area attrezzata di Piano Margi è molto estesa, circa un centinaio di posti con tavoli, panche, punti acqua e fuoco. Fra gli alberi e le distese verdi anche un laghetto che ingentilisce ancor più la zona. Dopo il picnic si può fare una passeggiata seguendo uno dei sentierini che si addentrano nel verde.

Parco di Castell’Umberto

Non lontano dall’abitato di Castell’Umberto, sui Nebrodi, questo parco è comodamente raggiungibile e dotato di tavoli con panche, posti a buona distanza gli uni dagli altri, con punti per il barbecue e fontanelle. C’è anche un laghetto circondato dal verde.

Savochello – Monte Cammarata

In provincia di Agrigento, questa area attrezzata è ampia e comoda, e si raggiunge dalla strada che da Santo Stefano Quisquina porta a Cammarata. Ci sono punti cottura ma anche sentieri da percorrere a piedi o in bicicletta, per una gradevole giornata a contatto con la natura.

Cerasia

È considerata una delle aree attrezzate più belle fra quelle realizzate dall’Azienda Foreste regionale. Ci si arriva da Tortorici, guidando in direzione Floresta e deviando per Nitta e Case Abbadessa. L’area, incorniciata da alberi di pino e faggio, aceri e agrifogli. Non è molto grande, ma il contesto naturalistico è molto gradevole, ed è facilmente raggiungibile.

Arcibessi

Ben attrezzata con tavoli e panche in legno, fontanelle, servizi igienici, vialetti e steccati, Arcibessi, in territorio di Chiaramonte Gulfi, è molto amata soprattutto dalle famiglie con bambini per via della presenza di una area faunistica con daini, uccelli, caprette tibetane, e di un laghetto dove nuotano papere e oche. Per arrivare seguire la provinciale 7 seguendo le indicazioni per il santuario Maria Santissima delle Grazie.

Noto antica

Questa area attrezzata prende nome dalla vicinanza con il sito dell’antica città di Neas, rasa al suolo nel 1693 e abbandonata dagli abitanti superstiti che, poco lontano, costruirono l’attuale Noto, la bella capitale del barocco. Tavoli e panche sono sistemati all’ombra di pini, tutt’intorno si estendono campi e macchie boschive. Poco lontano si trova l’ingresso alla riserva naturale di Cavagrande del Cassibile.

Baronia

Ci spostiamo in provincia di Trapani, più precisamente nel territorio del comune di Vita. L’area attrezzata si trova a un paio di chilometri dall’abitato (percorso segnalato) in un bel boschetto di pini mediterranei, lecci e roverelle. Ci sono una decina di tavola e punti cottura, parcheggio e fontanelle. Inoltre giochi per bambini.

Balestrate

Sempre in provincia di Trapani ma in un contesto diverso. L’area attrezzata “Alcamo Marina- Balestrate” è stata realizzata alla foce del torrente Calatubo, vicino al mare. Grazie all’assenza di barriere architettoniche, è adatta anche a chi ha problemi di deambulazione. Ci sono una decina di tavoli, un boschetto di acacie ed eucalipti fornisce ombra.

Autore

Redazione Sikania